CONCERTO DEL BICENTENARIO Marco Caselli Nirmal

CONCERTO DEL BICENTENARIO

  • Teatro Olimpico
  • sabato 04 Dicembre 2021
  • ore 21

Lionel Peintre baritono
Orchestra Mozart
Daniele Gatti direttore
 
Gioachino ROSSINI
Il barbiere di Siviglia, Ouverture
 
Igor STRAVINSKIJ
Apollon Musagète
balletto in 2 quadri per orchestra d’archi
 
***
 
Georges APERGHIS
Contre-jour, le jour (2020) *
per baritono e orchestra
*prima esecuzione assoluta
commissione dell’Accademia
Filarmonica Romana
 
Wolfgang Amadeus MOZART
Sinfonia n. 41 in do maggiore K. 551
“Jupiter”
 
 
 
concerto per il bicentenario
dell’Accademia Filarmonica Romana
 
 
Era il 4 dicembre 1821 quando a Roma nacque un’associazione di “dilettanti” di musica, appartenenti al ceto nobiliare e alto borghese, decisi a riunire le proprie energie per l’esecuzione di musica da camera e opere liriche in forma di concerto, che fossero nuove per Roma. Nasceva così l’Accademia Filarmonica Romana, una delle più antiche istituzioni musicali romane e italiane che, forte di una precisa identità artistica e di una programmazione innovativa, ha percorso i suoi primi duecento anni, seguendo il corso della storia, pronta a stimolare il proprio pubblico, attraverso proposte aggiornate alle nuove istanze della musica. Esattamente a 200 anni dalla fondazione, un concerto speciale ne ricorda la nascita.
 
L’istituzione chiama sul palco l’Orchestra Mozart, realtà d’eccellenza internazionale e unica nel panorama italiano fondata da Claudio Abbado, e Daniele Gatti che della Mozart è il direttore musicale.
 
La prima parte del programma ricorda due compositori che si sono legati alla Filarmonica. Rossini, socio onorario dal 1837, fu uno degli autori prediletti dai dilettanti filarmonici che eseguirono in forma di concerto diverse sue opere, alcune per la prima volta a Roma. Stravinskij ha segnato il corso della Filarmonica nel secondo ‘900, istaurando negli anni Cinquanta un rapporto privilegiato con l’istituzione, grazie alla determinazione di Adriana Panni. Dalla stagione 1953-54 la Filarmonica programmò le sue opere più recenti (molte in prima europea o in prima italiana), che vennero dirette dallo stesso Stravinskij o da Robert Craft. A ricordare i due compositori sono rispettivamente l’Ouverture dal Barbiere di Siviglia e l’Apollon Musagète.
 
Nella seconda parte il programma accoglie una prima esecuzione assoluta, commissione della Filarmonica, a Georges Aperghis, Leone d’oro alla Carriera alla Biennale di Venezia nel 2015, e nel 2021 insignito dell’Ernst von Siemens Music Prize. Contre-jour, le jour è il titolo della sua nuova creazione, con la voce solista del baritono Lionel Peintre, musicista versatile con cui Aperghis lavora da anni. Finale di serata festoso con il capolavoro della Jupiter, ultima Sinfonia di Mozart.
 
 
 
 

L'accesso agli spettacoli per la Stagione 2021/2022 è consentito esclusivamente ai soggetti muniti delle certificazioni verdi COVID-19 ai sensi del D.L. 105/2021, c.d. Green Pass. Info complete a questo link. In sala è obbligatorio indossare la mascherina chirurgica o superiore (FFP2) per tutta la durata del concerto.